Questo é Mohammad

Gratuito


Abramo, Agar e Ismaele
La nostra storia comincia molto lontano nel tempo, nel giorno in cui Allah (gloria a Lui l’Altissimo), ordinò al Suo profeta Abramo (pace su di lui) di prendere la moglie Agar e il figlioletto Ismaele e condurli in una landa
desolata della penisola arabica, un territorio chiamato Hijaz, che dista poche decine di chilometri da Jeddah dove, secondo la tradizione fu sepolta nostra madre Eva. Giunto nel luogo che Allah gli aveva indicato, Abramo lasciò ad Agar un otre pieno d’acqua e le poche provviste che poteva e si allontanò con il cuore gonfio di dispiacere ma confidando nella misericordia dell’Altissimo, al quale elevò un’invocazione: “O Signor nostro, ho stabilito una parte della mia progenie in una valle sterile, nei pressi della Tua Sacra Casa , affinché, o Signor nostro, assolvanoall’orazione. Fai che i cuori di una parte dell’umanità tendano a loro; concedi loro [ogni specie] di frutti”. (Corano XIV,37)

(Downloads - 10)

Description

Abramo, Agar e Ismaele
La nostra storia comincia molto lontano nel tempo, nel giorno in cui Allah (gloria a Lui l’Altissimo), ordinò al Suo profeta Abramo (pace su di lui) di prendere la moglie Agar e il figlioletto Ismaele e condurli in una landa
desolata della penisola arabica, un territorio chiamato Hijaz, che dista poche decine di chilometri da Jeddah dove, secondo la tradizione fu sepolta nostra madre Eva. Giunto nel luogo che Allah gli aveva indicato, Abramo
lasciò ad Agar un otre pieno d’acqua e le poche provviste che poteva e si allontanò con il cuore gonfio di dispiacere ma confidando nella misericordia dell’Altissimo, al quale elevò un’invocazione: “O Signor nostro, ho stabilito una parte della mia progenie in una valle sterile, nei pressi della Tua Sacra Casa , affinché, o Signor nostro, assolvano
all’orazione. Fai che i cuori di una parte dell’umanità tendano a loro; concedi loro [ogni specie] di frutti”. (Corano XIV,37)

Recensioni

Recensioni

Non ci sono ancora recensioni.

Recensisci per primo “Questo é Mohammad”