915. La battaglia del Garigliano: Cristiani e Musulmani nell’Italia medievale, Formato Kindle

10,49


915. La battaglia del Garigliano: Cristiani e Musulmani nell'Italia medievale
915. La battaglia del Garigliano: Cristiani e Musulmani nell'Italia medievale
Della tentata conquista islamica dell’Italia, che interessò tutto il corso del IX secolo, sappiamo davvero poco. Per far luce su quelle vicende, il libro prende le mosse dal racconto della grande battaglia avvenuta nel 915 non lontano dal fiume Garigliano, fra il Lazio e la Campania. Le truppe di una lega cristiana di Bizantini, Napoletani, Gaetani, Capuani e Amalfitani si scontrarono – sconfiggendoli – con i guerriglieri musulmani che trent’anni prima avevano fondato, su una collina prospiciente il fiume, un importante insediamento militare. Sono poi ricostruite le tappe principali dell’espansione musulmana nell’Italia continentale, con un occhio attento ai profili biografici e alle rappresentazioni ideologiche dei suoi protagonisti, ai luoghi, ai complessi e inaspettati rapporti politico-diplomatici intercorsi fra occupanti ed élites locali.
Sfoglia la lista dei desideri

Description

915. La battaglia del Garigliano: Cristiani e Musulmani nell’Italia medievale

Marco Di Branco

Formato Kindle

“I nostri, incalzandoli senza sosta, li uccisero tutti; si salvarono solo pochissimi, di tanta moltitudine; e in tal modo, con l’aiuto e la misericordia di Dio, furono completamente eliminati da questa regione, nell’anno dell’Incarnazione del Signore 915, terza indizione, mese di agosto. Per tutto sia benedetto Dio”.
Chronica Monasterii Casinensis
Della tentata conquista islamica dell’Italia, che interessò tutto il corso del IX secolo, sappiamo davvero poco. Per far luce su quelle vicende, il libro prende le mosse dal racconto della grande battaglia avvenuta nel 915 non lontano dal fiume Garigliano, fra il Lazio e la Campania. Le truppe di una lega cristiana di Bizantini, Napoletani, Gaetani, Capuani e Amalfitani si scontrarono – sconfiggendoli – con i guerriglieri musulmani che trent’anni prima avevano fondato, su una collina prospiciente il fiume, un importante insediamento militare. Sono poi ricostruite le tappe principali dell’espansione musulmana nell’Italia continentale, con un occhio attento ai profili biografici e alle rappresentazioni ideologiche dei suoi protagonisti, ai luoghi, ai complessi e inaspettati rapporti politico-diplomatici intercorsi fra occupanti ed élites locali.

Marco Di Branco storico e archeologo, ha insegnato Storia romana, Storia bizantina, Archeologia bizantina e Storia religiosa dell’Islam in molte università; attualmente è Marie Curie Fellow presso l’American University of Beirut e presso la Sapienza – Università di Roma. Tra i suoi libri: «Storie arabe di Greci e di Romani» (PLUS, 2009), «Alessandro Magno: eroe arabo del Medioevo» (Salerno, 2011), «Breve storia di Bisanzio» (Carocci, 2016) e «Il califfo di Dio» (Viella, 2017).

Indice

Introduzione
I. Descrizione di una battaglia
II. Tra la Sicilia e la «Terra grande»
III. Mercenari o «jihadisti»? Musulmani nel «Grande gioco»
IV. Un emiro a Bari
V. L’imperatore prigioniero
VI. I musulmani del mons Garelianus
VII. La montagna misteriosa
VIII. Il volto del nemico
Conclusione
Appendice
Note
Cronologia
Bibliografia
Indice dei nomi

Introduzione

Questo libro parla di una battaglia che non fu propriamente tale e che tuttavia, nella memoria storica dei posteri, è stata prima assimilata a una grande battaglia campale (come Cannae o Waterloo, per intenderci), poi quasi cancellata dal panorama degli eventi degni di essere ricordati. Ma, naturalmente, non parla solo di questo. Infatti, ormai sappiamo che gli eventi «sono come la schiuma della storia, bolle grosse o piccole che si spaccano in superficie, e scoppiando suscitano turbini che si propagano più o meno lontano»[1]. E dunque, partiremo dalla cosiddetta «battaglia del Garigliano» – combattuta, come vedremo, tra il giugno e l’agosto del 915 fra truppe islamiche e una lega di potenze cristiane che vide addirittura la partecipazione di un papa e di un celebre stratego bizantino – per tentare di ricostruire il tessuto sociale e il contesto politico, diplomatico, militare e culturale che fa da sfondo alla battaglia stessa: il grande evento avrà dunque il ruolo di cartina di tornasole del più ampio fenomeno della tentata conquista islamica dell’Italia, le cui vicende si snodano per tutto il corso del IX secolo. Si tratta di una storia scarsamente nota, soprattutto se paragonata a quella della presenza musulmana in Sicilia, a cui il grande arabista Michele Amari dedicò, più di un secolo fa, una monumentale monografia. Dei musulmani che «fecero l’impresa»,  guerreggiando, saccheggiando, imponendo la propria legge e fondando addirittura un grande emirato nel continente italiano, si sa davvero molto poco. Questo libro aspira a trasportare il lettore nella Penisola sotto attacco. Il racconto dell’evento-chiave della «battaglia del Garigliano» costituirà dunque l’occasione per ripercorrere le tappe principali dell’espansione musulmana nell’Italia continentale, con un occhio attento ai profili biografici e alle rappresentazioni ideologiche dei suoi protagonisti, ai luoghi ricchi di fascino in cui tale espansione ebbe ad attuarsi e ai complessi e inaspettati rapporti politico-diplomatici stabilitisi tra occupanti ed élite locali. Ma prima di cominciare il nostro viaggio, è necessario riflettere su un’interessante aporia. In effetti, Ferdinand Gregorovius, autore di una celeberrima Storia di Roma nel Medioevo, considera la vittoria della «lega cristiana» sui musulmani del Garigliano «la più gloriosa impresa nazionale degli Italiani nel X secolo»[2].

[..]

 

Recensioni

Recensioni

Non ci sono ancora recensioni.

Recensisci per primo “915. La battaglia del Garigliano: Cristiani e Musulmani nell’Italia medievale, Formato Kindle”